La fotografia e i Fotografi

La luce nella fotografia in esterni

Scritto da Piero Principi • Martedì, 20 dicembre 2011



Come si fa a intervenire sulla luce naturale? Non si può certo regolare la potenza del sole o, tantomeno, spostarlo. In realtà si può fare comunque molta attenzione e si possono usare delle buone abitudini al fine di ottimizzare il risultato finale.



Nella sequenza delle operazioni è senz’altro di primaria importanza (come sempre) partire dall’inquadratura. È solamente con l’attento uso dell’inquadratura che la foto prende corpo, tridimensionalità e quindi personalità.

A questo punto occorre fare attenzione alla posizione del sole. Quasi mai capita di trovarsi al posto giusto nel momento giusto. Dovremo capire quale potrà essere l’orario migliore per scattare la nostra immagine.

Come possiamo vedere nelle tre immagini riportate sotto, la posizione del sole ci permette di conferire più morbidezza o più incisività al soggetto.



Con la presenza di ombra, il contrasto sarà decisamente morbido (prima foto), con la luce frontale, il soggetto sarà ben illuminato ma poco tridimensionale e quindi “piatto” (seconda immagine). Con la luce radente invece, il materiale prende corpo, acquista quella tridimensionalità certamente non tipica delle immagini fotografiche.

Questo non significa che dovremo sempre usare questo schema, la verità assoluta non esiste, ma sarà sicuramente di grande utilità fare attenzione a questi dettagli.


Continua la lettura qui


Tratto dal volume Illuminare, di Piero Principi

2410 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

0 Trackbacks

  1. Nessun Trackbacks

0 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. Nessun commento
L'autore non consente commenti a questa notizia