La fotografia e i Fotografi

Il lago di Varese e la sua gente visti da Roberto Caielli e Davide Niglia

Scritto da Riccardo Pirana • Lunedì, 29 agosto 2011 • Categoria: Mostre



Dal 1 al 23 ottobre 2011 Villa Borghi a Biandronno (Va) ospiterà la mostra “Autoritratto di lago” di Roberto Caielli e Davide Niglia, frutto di un anno di lavoro a contatto con la gente e i luoghi del lago di Varese.




“Un viaggio fotografico di un anno con la Polaroid e Impossible Project, in un mondo sospeso tra passato e futuro. Un esperimento unico nel suo genere che inaugura un percorso artistico e etnografico inedito di livello e valore assoluti".


Due fotografi d'eccezione, Roberto Caielli e Davide Niglia, hanno frequentato per un anno le rive del lago di Varese, hanno interagito con le comunità, e ne hanno tracciato un ritratto fotografico “dall'interno”, fatto di spontaneità e condivisione.

Il mezzo fotografico utilizzato, la vecchia Polaroid e le nuove sperimentali pellicole istantanee Impossible Project ha rappresentato una doppia valenza: tecnico espressiva prima di tutto, psicologica e antropologica in secondo luogo. Il mezzo fotografico ha privilegiato l'istantaneità, la spontaneità dell'incontro, reso possibile dalla Polaroid immediata e curiosa, alla precisione del digitale, e ha contribuito fortemente all'incontro con la gente. L'esito è una documentazione fotografica di portata espressiva eccezionale, che avvicina il ritratto e il paesaggio del lago a un oggetto d'arte moderna o al contrario una fotografia antica.

Il progetto è il solo in provincia di Varese tra quelli finanziati dall'Aess e Regione Lombardia nel contesto del Reil, Registro eredità immateriali della Lombardia, e valorizza il mestiere della pesca e la cultura specifica delle rive del lago in maniera sistematica ma assolutamente nuova e inedita.

I fotografi non hanno testimoniato didascalicamente e in maniera esatta la tradizione della pesca o i volti degli ultimi pescatori, ma hanno vissuto le trasformazioni, le gioie e anche telora i drammi di un mondo al confine con passato che cerca di guardare al futuro.

“Non abbiamo voluto replicare gli stereotipi della fotografia che ritrae quasi come fossero una collezione museale i gesti della pesca, le barche, gli attrezzi della tradizione. Per noi – dice il fotografo e stampatore fine art e ideatore del progetto Roberto Caielli – era importante vivere dentro questi spazi e con queste persone, e cogliere i mutamenti, le trasformazioni, i drammi, attraverso la fotografia. La Polaroid e le pellicole sperimentali Impossible, imprecise, casuali, “sbagliate”, hanno rappresentato il mezzo ideale per fotografare una comunità dalle grandi contraddizioni, tra passato e futuro”.

Le foto della mostra “Autoritratto di lago” sono stampate su carta Canson Infinity



Dove: Biandronno (Va), Villa Borghi
Quando: dal 1 ottobre al 23 ottobre 2011
Inaugurazione e presentazione volume fotografico sabato 1 ottobre ore 18
Incontro con gli autori e proiezioni venerdi 14 ore 21.
Visite sabato e domenica 10-12 / 15-18 e su richiesta presso il comune di Biandronno.

Per maggiori informazioni: info@remolungo.com

2866 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

0 Trackbacks

  1. Nessun Trackbacks

0 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. Nessun commento
L'autore non consente commenti a questa notizia